Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'informativa. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina, acconsenti all’uso dei cookie.

Gli Accordi sottoscritti con la Regione

   Contrattualmente, non esiste un livello contrattuale regionale, in quanto gli accordi sono esclusivamente nazionali od aziendali.

La Regione Emilia-Romagna, però, è tra le Regioni maggiormente presenti nel regolare e coordinare le attività del proprio Servizio Sanitario, conseguendo gli ottimi risultati che pongono il SSR E-R ai massimi livelli nazionali ed internazionali. Questo avviene, nello spirito organizzativo e collaborativo che contraddistingue gli emiliano-romagnoli, mediante un'attività continua di coordinamento e calmieramento tra le Aziende Sanitarie, svolta dalla Regione, che fa, implicitamente, leva sullo strumento finanziario da essa distribuito. In questo contesto, la Regione mantiene frequenti confronti con le OO.SS., a due livelli: da una parte, mantiene rapporti con alcune Confederazioni (solo le maggiori: come anche altre, la ConfeDir, cui partecipa l'AUPI, non ostante il regolare accreditamento, non è stata mai convocata) su argomenti di programmazione generale, dall'altra consulta tutte le OO.SS. accreditate nel SSR, giungendo talvolta a sottoscrivere accordi, che traduce poi in proprie direttive alle aziende.

 

   I primi due Accordi Regionali sottoscritti sono certamente stati i più significativi dal punto di vista delle ricadute sui lavoratori: si tratta di quello che ha portato alla stabilizzazione dei professionisti ambulatoriali, e quello per la cosiddetta "stabilizzazione" del precariato.